The Lady is a Tramp

 

6) Non dare ai bambini candelotti di dinamite anche se provvisti di istruzioni.

I derivati complessi devono essere vietati perché nessuno li capisce e solo pochi sono abbastanza perspicaci da conoscerli. I cittadini devono essere tutelati, devono essere protetti dalle banche che vendono loro prodotti “di copertura” e dagli ingenui funzionari delle autorità di regolamentazione che ascoltano i teorici dell’economia. Da “Le dieci regole essenziali per difendersi dal cigno nero” di Nassim Nicholas Taleb

 

1. Crisi del 1637, Olanda (crisi fiorita)

Tulipano viene dal turco tulband, ossia turbante. Nel Cinquecento il diplomatico fiammingo Ogier De Busbecq, dalla corte di Sulimano il Grande ne invia dei bulbi allo studioso olandese Carolus Clusius (Charles de L’Escluse) capo botanico dell’Università di Leida. Il fascino esotico, i suoi colori vividi, l’attrazione per la novità rendono il tulipano sempre più una merce di lusso. Nel 1593 in Olanda è un vero status symbol al quale si danno nomi fantasiosi ed altisonanti. Si fa poesia con le infezioni: al virus che causava una distribuzione alterata dei pigmenti nel fiore si da il nome “Rembrandt che rompe i tulipani“.

I tulipani arrivano ad essere scambiati con terreni, bestiame e case. I prezzi dei bulbi salgono in modo insano. Solo due esempi: il prezzo di un bulbo equivale a 10 anni di lavoro di un bravo artigiano; nel 1642 Rembrandt riceve un compenso di 1.650 fiorini per il suo quadro La Ronda di Notte, mentre pochi anni prima il bulbo più famoso, il Semper Augustus, è stato venduto a 6.000 fiorini. Si parla di Tulipanomania, infatuazione, gioco d’azzardo, eterno bengodi e vacche grasse per tutti. Si comincia a parlare di commercio del vento dato che si acquista e si vende il diritto a possedere tulipani, che pochi realmente vedono; si vendono fiori che si prevede vengano piantati (ma l’imponderabile è sempre dietro l’angolo, l’impossibile resta tale finché non accade,  l’uomo è entusiasmabile ma anche fondamentalmente stufereccio…) . Nel 1637 qualcuno comincia a vendere senza riacquistare. Le vendite generano dapprima tensione, poi allarme, infine panico: la bolla scoppia, i prezzi crollano del 90% in brevissimo tempo. L’isteria tra gli investitori porta persino agiati mercanti a diventare mendicanti. UNA MANIA DI MASSA SI È TRASFORMATA IN UNA FOLLIA COLLETTIVA.

 

OUTFIT
Vestito: Tibi, belted plissé-satin midi dress, net-a-porter.com; scarpe: Casadei Platform; headband: Gucci; borsa: Furla, Metropolis S Tote, yoox.com; profumo: Geurlain, Jicky

 

2. Crisi del 1929, USA (saga della Grande Depressione)

Quando gli USA starnutiscono ormai il mondo prende il raffreddore. Di nuovo c’è una bolla della borsa e gente che vende terreni e proprietà per acquistare azioni che sembrano dover salire all’infinito. Si aggiungono problemi strutturali quali la concentrazione della ricchezza in poche mani, salari che restano bassi, sovrapproduzione, corruzione e falso in bilancio. Questa crisi si trasforma in una depressione dalla quale si uscirà davvero solo con la Seconda Guerra Mondiale. La parte “romantica” della tragedia che diventerà una specie di saga sono gli Hobo. Giovani “on the road“, uomini e donne che negli anni trenta viaggiano clandestini sui treni merci all’inseguimento di cantieri, ferrovie in costruzione o raccolti stagionali. Ad essi si aggiungono e si mischiano vagabondi veri e propri: i Tramp. La canzone “The Lady is a Tramp” fu scritta nel 1937 da Rodgers and Hart interpretata dall’attrice bambina Mitzi Green nel musical “Babes in Arms“. Si tratta di una satira dell’alta società e delle sue sciocche regole. Ancora vivo era il ricordo degli Hobo e la parola Tramp del titolo veniva interpretata come vagabondo. Più ci si allontana dagli anni della Grande Depressione più la parola tramp poteva dare adito a malintesi per il suo altro significato di donna di facili costumi. In una scena del film “Pal Joey” del 1957, Rita Hayworth, che non è vestita da stracciona, ascoltando la canzone cantata da Frank Sinatra, fraintende per un attimo il significato della parola. Il resto delle strofe le chiariscono comunque che si parla di una donna che fa il suo comodo infischiandosene di quello che fanno o dicono gli altri.

 

 

 

OUTFIT
Vestito: Gucci; scarpe: Casadei Blade; cappello: Gucci; borsa: Palace; profumo: Guerlain, Le Petite Robe Noire

 

3. Crisi del 2008, USA (scaricabarile)

Di nuovo una bolla speculativa con attorno ingenui e squali che pasturano. I mutui delle case vengono concessi scriteriatamente con tassi bassissimi, ma variabili. Quando i tassi si alzano arriva la marea di insolvenze che sono già state travestite fino all’irriconoscibilità, pompate di steroidi e disseminate in giro per il globo come un virus. Si arriverà, poi, al crollo dell’attività industriale. Questi, ancora una volta, i risultati di un’economia finanziaria sganciata dall’economia reale trattata quasi come un accessorio. Una lezione è stata imparata, stavolta i governi e le banche centrali hanno evitato il lassismo del 1929 prendendo misure che in qualche modo non hanno trasformato la crisi in depressione. E insomma, sembra che lo Stato faccia la parte del papino che rimedia ai danni del figliolo discolo.

 

Homo Oeconomicus sì, certo, + ingordigia sfrenata, e punte di psicopatia. Dato che il liberismo ha dato del proprio peggio portando alla crescita della diseguaglianza sociale e ad una concentrazione di ricchezza quasi neo-feudale, è iniziato un processo al capitalismo. Molti dei giudici di questo processo mi pare abbiano come alternativa il populismo, politiche alla giornata, teatrini dell’assurdo e nessun grosso piano. L’uguaglianza senza libertà è un formicaio che mi ripugna. La libertà senza eguaglianza è pusillanime.

 

OUTFIT
L’italia sarà anche entrata nel recinto dei PIGS, ma scarpe e vestiti ancora li sa fare: grufoliamo nell’eleganza. Abito: Dolce e Gabbana (come cambiando un vestito e togliendo un accessorio cambiano alibi ed intenzioni) ; scarpe: Casadei Blade; cappello: Gucci; profumo: Guerlain, Black Perfecto by La Petite Robe Noire; sigarette Davidoff (nuoce gravemente alla salute); Whiskey: Caol Ila (bevete responsabilmente)

 

 

Bibliografia

http://www.traderpedia.it/wiki/index.php/Il_fiore_che_fece_impazzire_gli_uomini

http://www.novecento.org/dossier/le-grandi-crisi-del-mondo-contemporaneo/la-crisi-del-1929/

http://erroluys.com/letter2.html

http://aulalettere.scuola.zanichelli.it/storia-di-oggi/la-grande-crisi-2007-2013-2/

http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Finanza%20e%20Mercati/2009/04/come-difendersi-cigno-nero.shtml

http://intermarketandmore.finanza.com/1929-2009-le-due-crisi-a-confronto-5767.html

https://sinatrafamily.com/forum/showthread.php/10750-Can-someone-explain-the-lyrics-of-The-Lady-is-a-Tramp

https://www.englishforums.com/English/AQuestionAboutLadyTramp-Sinatra/zllkz/post.htm

https://www.economist.com/news/books-and-arts/21735578-its-best-years-are-behind-it-according-new-book-liberalism-most

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...