Alle Armi, ciccione!

“Prepariamoci per  la prova costume”.

Il ritornello un tanto al chilo dell’essere pronte alla prova costume è sempre in circolazione. Tormentone d’ammasso, deficiente e tristemente comico.

Rassomiglia alle cravattone annodate sulla testa, ai trenini al suono di Pepepepepepe dei matrimoni e dei capodanni inossidabilmente fedeli al pacchiano infimo degli anni ’70. Prova Bikini: in fila dietro di me, batti lei, alle armi! Espressione usurata e congelata a tal punto che sembrerebbe non significare più niente.

Nel 1919 Marcel Duchamp disegnò a matita baffi e pizzetto su una riproduzione della Gioconda, aggiungendoci sotto  l’iscrizione L.H.O.O.Q (Elle a chaud au cul: Lei ha caldo al culo). Con questa operazione, oltre a stravolgere il modo di fare arte, costrinse  a riguardare quell’opera venerata quanto una Madonna con meno pigra e inconcludente adorazione conformistica.

Qualcosa di simile è accaduto ai poster della campagna pubblicitaria della Protein World nel 2015, quando furono sbeffeggiati a colpi di marker.

 

BIKINI BODY
Campagna “Protein World”, 2015. L’immagine è chiaramente ritoccata, non c’è bisogno della legge francese che obbliga a dichiarare espressamente che lo sia: strane proporzioni ed espressione sexy-iostoqui-ioso’così-raggiungimiseciriesci, ma che in fine risulta da scema (mi dispiace per la modella). Più che di Protein World s’è nutrita di Photoshop. Sul ritocco e la op art: anche Leonardo e Botticelli hanno usato espedienti illusori o strane proporzioni, ma nel loro caso gli inganni redimono e riscattano la piattezza del quotidiano, aumentano l’esperienza della realtà, qui gli inganni appiattiscono la piattezza e possono far ammalare. I poster sono diventati un canovaccio per ironie ready-made. Immagini da un articolo Daily Mail Pubblicato il 27 aprile 2015. Scritto da Lucy Crossley per MailOnline

 

Quegli interventi sui poster che giganteggiavano nelle fermate della metro londinese mettono in discussione ciò che è sottinteso al Bikini Body. Il bikini mette in mostra: tette, pancia, culo, cosce. Non avrebbe senso la Prova Burkini perchè alabardate là dentro, a parte estremi eccessi quali anoressia ed obesità, le forme sfumano parecchio alla vista.

Il Bikini Body è il modello, il canone. Fino a pochi anni fa era: tette grosse, culo sodo, pancia piatta, tonicità; nemico pubblico numero uno la cellulite. Il modello includeva essere di etnia caucasica, alte e giovani.

A forza di proteste e rappresaglie, dato che la stragrande maggioranza  delle donne non ha un Bikini Body, dato che gli anticorpi ad un certo subdolo linguaggio pubblicitario sembrano essersi sviluppati, dai social alle passerelle i modelli di corpi rappresentati  e di bikini a disposizione diventano sempre più variegati e aderenti alla realtà.

Tra l’altro il Bikini Body ed alcuni dei prodotti che traina, insinuano nella mente di una che s’ingloba un frigorifero al giorno (o a notte), il pensiero che debba prenderle il pippa culo da esame ad un mese dal debutto in spiaggia e che debba darci dentro a spendere per riviste con paginate di diete tristi e strampalate,  insalate scondite punitive, detox, body cleansing e miracolose pozioni dimagranti.

Se si entra in tale spirale, la logica conseguenza è che i chili che una desidera perdere restano sempre là. Oppure si provocano oscillazioni bipolari all’ago della bilancia. In ogni caso si va incontro alla mancanza di rispetto per il proprio corpo, alla totale diseducazione al cibo buono e sano e al fitness. Roba che dovrebbe essere uno stile di vita tutto l’anno, tutta la vita. Una non può sentirsi bene a seguire un tale tran tran stagionale. Bisognerebbe scendere dalla ruota da criceto e guardarla in prospettiva. Si sente meglio una davvero grassa (si, davvero grassa; curvy è troppo facile, piacevano anche in pieno periodo heroin-chic), che ci gode a mangiare come e quanto le pare e che è riuscita a sbattersene delle pressioni sociali e mediche, delle battutine e delle battutacce.

A Londra ho vissuto in una casa-cimiciaio in cui il cucinone e il salotto erano in comune. C’era una ragazza, Ania, curvy e niente palestra. Scendeva la mattina a prepararsi la colazione in canottiera e mutande, scalza. Si muoveva sinuosa, non c’era niente di studiato in lei. Era proprio così: felpata, rilassata. Sembrava una gattona, coi capelli lunghi scarmigliati e gli occhioni chiari, stupendi. A storcere il naso sulla sua grossezza messa in mostra erano più le femmine che i maschi, ma quando una volta mi mostrò delle foto di lei da bambina e si lamentò del fatto che sin da allora fosse così “grossa”, rimasi sorpresa. So che adesso è dimagrita ed insegna Yoga.

Arrivò anche una grassa ragazza napoletana. Vestiva in jeans e t-shirt larghe. Avevo un po’ d’anni meno di lei e quando vide i poster di maschioni che avevo appeso al mio angolo di stanza e i discorsi da adolescente arrapata che facevo, mi disse: “Tu non devi pensa’ con questa (additando la mia miciattola), ma con questa (additando la mia testa)”. Un pomeriggio si presenta con un suo insegnante di cui parlava da tempo. Un inglese colto, bellissimo. Ci si era messa insieme. Non l’ho mai più rivista, ma se ripenso a lei,  invece dei soliti jeans e magliettone, mi piace immaginarla vestita così:

 

Eden Loweth & Tom Barratt
Eden Loweth & Tom Barratt per Art School, Londra, Primavera/Estate 2017. Da Fucking Young

 

Durante l’università mi iscrissi in una palestra di quartiere. L’istruttrice era una tipa parecchio tonica, con delle cosce aerobicate alla Serena Williams. Dopo poche settimane quasi tutte le sue allieve indossavano degli short neri elasticizzati come quelli che strizzavano le sue coscione e il suo culone. Alcune si misero a tirar su pesi per rassomigliarle. Anche io. (Poi capii che non sarei MAI diventata come lei; infine sulla mia via del fitness incontrai Tracy Anderson, smisi di andare in palestra, che trovo una palla pazzesca, e mi dedicai ai suoi dvd di home fitness). Una sera accompagnai la mia istruttrice ad una mini sfilata in una boutique del centro dove le avevano chiesto di fare da modella. Il vestito che le avevano assegnato era della taglia più grossa esistente per quel modello. Ci entrava male. “Sei troppo grossa per quel vestito” le aveva detto lo stylist. Lei si spoglia nuda, gli lancia l’abito dicendo  “No, è il vestito che è troppo piccolo per me“. Al diavolo sfilata.

Una con quel fisico e quelle proporzioni o una grassa, non potranno andare sempre da una sarta per vestirsi bene!  Perché devo dire che la maggior parte dell’abbigliamento plus-size fa ancora piuttosto schifo. Cito il peccato e non cito i peccatori, anche perché sono parecchi. Cito invece i virtuosi:

Project Gravitas 

 

Project Gravitas
Project Gravitas: Marchio al femminile per tutte le taglie nel campo dell’abbigliamento formale da lavoro. Crea veri abiti e non i soliti sacconi d’immondizia. Curioso. Più si è andati  verso il rifiuto dell’abbigliamento formale da lavoro, preferendo il casual a tutto spiano o lo stile Tech Uniform della Silicon Valley, più il lavoro è stato svalutato e le paghe abbassate. Photo: Georgia Nerheim. Nel sito ci sono dei jogger pant e una sweatshirt fantastici

 

Chromat,

che crea lingerie e costumi di una bellezza fuori dal coro, per tutte le taglie e senza ghettizzarsi come marca plus-size.

 

 

 

Embed from Getty Images

Embed from Getty Images

 

 

Lonely.

Ci sono alcune cose interessanti anche su Playful Promises.

eShakti dove non proprio tutto mi sconfinfera, ma svolge un servizio da sarta on line, per qualsiasi taglia e conformazione, a prezzi accessibili. Scegliendo e personalizzando i capi a proprio piacimento si possono ottenere anche look originali che calzano bene.

 

Et alors madames, sto bikini. No alle balze eccessive, NO alle frange, agli zebrati e alle giungle mimetiche, no al Tropicalismo.

Alla minima incertezza sul motivo, ripiegare sulle tinte unite. Eviterei anche i filetti in mezzo alle chiappe, fastidiosi peggio delle infradito e  volgarotti. Su un brutto culo diventano proprio imbarazzanti. Se c’è tutta questa grande voglia di mettersi in mostra allora è meglio stare completamente nuda, preferibilmente tutta depilata (due palle co sta Dea Madre pelosa e puzzona; e due palle anche con le polemiche pro peli-contro peli, gli sfottò stronza secca/brutta cicciona da sgallinate/i. Mezzucci per far parlare di sé, per sfogare frustrazioni e invidie tra la profusione d’involontario grottesco nella spiaggia globale. I brand cavalcano la tigre e fanno il loro mestiere).

Certo, nel caso si avesse una confidenza nel proprio corpo tale da denudarsi del tutto davanti a tutti, si sarebbe costrette nelle riserve nudiste. Per conto mio sono del parere che un corpo è più bello nudo che vestito da schifo.

 

Rubens
Rubens: Venere allo specchio, circa 1615. Federico Zeri sui dipinti di Rubens: “…mi sorprendono per la carnalità delle figure femminili. Tutti dicono: è solo un ammasso di ciccia. Ma quando mai? Sono quadri da cascare per terra.” L’estetica e l’erotismo sono enormi sinestesie, dipendono da tutti i sensi. Peso, proporzioni, struttura sono solo una parte della loro complessità. Ho visto ragazze  affamarsi perché volevano un bacino meno largo; risultato: scheletriche e rachitiche ma con le ossa del bacino ancora larghe. Tutto per inseguire il canone Bikini Body. Esaltate la vostra particolarità, siate il VOSTRO meglio

 

 

Villa del Casale
Villa del Casale, Piazza Armerina, Sicilia, IV secolo D.C., età tardo imperiale. Proto bikini: il sopra si chiamava strophium, una fascia in tessuto per sostenere il seno, il sotto subligaculum, un mutandone che faceva parte dell’abbigliamento di ballerine e attori, ma anche di atleti e gladiatori. Sono dovuti crollare imperi e ne sono dovuti nascere altri per rivedere una donna tranquillamente così vestita e atletica

 

Rimini, 1957
Rimini, 1957; un vigile multa una donna straniera perché indossa un bikini in spiaggia. E noi eravamo ancora messi così, vergogna!

 

Preferisco  i modelli atletici (Chromat docet) oppure quelli anni ’40 e ’50 che stanno bene ad ogni tipo di corpo.

 

 

 

 

Altrimenti al diavolo il bikini. Il costume intero (per cui valgono le mie regole sopra) può essere più mentalmente confortevole; almeno per me lo è stato nel mio periodo “grasso”. In vita mia ho infatti sfiorato pesi anoressici, poi sono ingrassata e poi sono ridimagrita lentamente, con PAZIENZA. In un paese come il nostro non è difficile né costoso mangiare bene. Io lo condisco con la mia pipa d’oppio: Tracy Anderson.

 

reductress.com
Beth Newell e Sarah Pappalardo sono il duo comico dietro al sito satirico reductress.com. Immagine tratta dall’articolo “How to Win at Feminism with the Women Behind Reductress” su i-d.vice.com

 

Proseguendo in direzione opposta al nudismo, oltre il costume intero, esiste il non spogliarsi. Il non voler far risplendere alla luce del sole le proprie cicce, le proprie smagliature, i propri cedimenti, raggrinzimenti, le proprie ossa, la propria vecchiaia, oppure la propria giovinezza, la propria folgorante bellezza e levigatezza e “perfezione”.

Il preservarsi per il proprio esclusivo sguardo o di quello di chi si ama. Credo che centri con quella roba che si chiamava privacy.

 

 

OUTFIT
Kimono copri costume: Pitusa; bikini: H&M; cappello: Isabel Benenato; occhiali: Monki; zoccoli: Pescura di Scholl tacco oro; borsa: Sundek; ombretto in crema summer shadow waterproof: Guerlain; gel antisfregamento: Body Glide

 

 

OUTFIT
Camicia regular fit uomo: H&M; bikini: La Sirenetta Malibulist.it; zoccoli: Ekralo; occhiali: Alero, malibulist.it; borsa: Even&Odd; rossetto: smartliptick prugna 931, Kiko

 

 

 

OUTFIT
Camicia regular fit uomo: H&M; bikini: La Sirenetta Malibulist.it; zoccoli: Ekralo; occhiali: Alero, malibulist.it; borsa: Shopper Carolina, ebay.it; rossetto: Mac lustrelipstick lemon pastel Yellow

 

 

OUTFIT
Canotta: Adidas Originals; costume H&M; shorts: H&M; scarpe: Adidas Stan Smith; occhiali: Kelvin Klein; borsa: Adidas; rossetto: Neutragen

 

 

Nella copertina dell’articolo: Kung Ubu, diretto da Michael Meschke, Marionetteatern, Stockholm, 1964. Costumi e scenografie di Franciszka Themerson. Courtesy of Camden Arts Centre. Tratto dall’opera teatrale “Ubu Roi” di Alfred Jarry del 1896.

 

P.S. Viva la libertà sempre. Ci sono account Instagram in cui il body positivity diventa segno di impero alla fine della decadenza. Le cene di Trimalcione ci fanno un baffo:

4 Problematic Trends I See On Body Positive Instagrams” di Suzannah Weiss

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...