Intervista al mio accompagnatore attuale e contemporaneo

Quale è il vestito più bello con cui mi hai vista?

Quello viola di Dolce e Gabbana (un tubino acetato e sfortunato: si è macchiato per sempre con un’impepata di cozze ed è in attesa di una ritinteggiatura nera. Una vera, inevitabile violenza)

Quale è l’abbigliamento più brutto con cui mi hai vista?

Il cardigan bianco infeltrito e rimpiccolito, macchiato e con le toppe ai gomiti lacerate, assieme ai pantaloni del pigiama con gli orsetti, tutto stinto. (Questo veniva dall’epoca in cui era mia nonna a comprarmi e regalarmi biancheria intima e pigiami, con immancabili orsetti e fiorellini, anche quando ho superato i 20 anni di età: dopo dice che una resta bambocciona. La bamboccioneria me l’hanno servita su un piatto d’argento ed io non l’ho rifiutata)

Le scarpe più belle con cui mi hai vista?

Le francesi (che sono italiane di fabbricazione ma le chiama così perché hanno un’aria rococò-Révolution-bodoir) e le Fornarina verdi (sono queste sotto, in una foto trovata su Pinterest di una ragazza che le metteva in vendita mai portate; le mie dopo tante guerre hanno trovato la loro tomba nel cassonetto dell’immondizia):

 

 

for 2

 

Aprendo il mio armadio che pensi?

Che sei classicamente donna. Lo guardo di traverso, poi lui aggiunge: e anticonformista (sta cercando di salvarsi in corner)

Stai dicendo cose senz’anima

Io ho venduto l’anima al Diavolo e neanche m’ha pagato

La borsa più bella che ho? (ho una certa idiosincrasia per le borse, specie quelle grandi)

Yamamoto.

(Si mette dietro la spalla, non scende mai e pare di non portare niente. Davanti ha uno strappo che è una licenza poetica di Yohji Yamamoto. Il sacchetto per riporla è bello quasi quanto la borsa):

Borsa Yamamoto
Borsa Yamamoto

Anelli? 

Quello bianco smaltato con la pietra verde

Quale è il capo d’abbigliamento femminile che ti piace di meno?

Vestiti floreali hippy anni settanta (anche a me non piacciono proprio)

Il capo di abbigliamento femminile più sexy?

Il tubino nero (vedi, Coco l’ha vista lunga). Con le calze con la riga dietro e le tue scarpe francesi (ehm…ci stanno malissimo con le calze che dice lui). Dopo breve pausa aggiunge: ma soprattutto la pelle del corpo

Quale è la donna che più ti affascina?

Mentalmente, dato che non l’ho mai vista, Veronica Franco (conosciuta e letta grazie a me). Dopo breve pausa: Scarlett Johansson. (Una cortigiana-poetessa e un’attrice; mi avvicino al significato del suo classicamente donna: significa sedurre. Se una non si esibisce o non seduce non è classicamente donna. Con me ha sbattuto bene, sedurrei anche le pietre)

La donna che ha inciso di più nella tua vita?

Non ce l’ho

Io: io si, Anaïs Nin (anche perché mi è capitato di leggerla da giovanissima)

Lui: per me ha inciso Henry Miller

Io: ma è un uomo. Io li ho letti tutti e due e mi sono piaciuti entrambi. Tu invece lei non l’hai mai letta

a questo punto riconosce che è stato condizionato da una società patriarcale

Il trucco femminile che ti piace di più?

Rossetto rosso

Mettiamo che una donna diventi Presidente del Consiglio e usi il rossetto rosso; la rispetteresti di meno?

No

Perché?

Se contratta, contratta meglio

Preferisci i capelli corti o lunghi?

Corti

Colore?

Il più finto possibile, anche fucsia

Come dovrebbe vestirsi una donna ottantenne?

Come le pare

Ti piacerebbe una donna che veste sempre con completi da uomo? 

Si

Cosa pensi di una donna ubriaca che si alza la gonna e piscia in un vicolo?

Che è stata troppo a Londra…ridacchia, poi: non mi piace come non mi piace che lo faccia un uomo. Poi ancora: in una società civile in cui si sta bene senza paranoie, va bene. Oggi in una società malata, sessualmente repressa, può essere anche pericoloso. (Ehm…e per gli sfortunati abitanti del vicolo? Dico di ripristinare i vespasiani nelle zone della movida o di piazzare bagni chimici durante Festival e Notti Bianche).

 

Primavera Nera, Henry Miller
Vedi Henry Miller, non apprezzava le donne accovacciate intente a far pipì, non tanto quanto il maschio dritto e auto soddisfatto. Che vogliamo fare, non gli daremo la palma di campione del femminismo. Il capitolo “Un sabato pomeriggio” resta un gaudioso vagabondare tra orinatoi e libri, e “Primavera nera” uno di quei libri che lo finisci, lo chiudi, e ti dici ad alta voce: Ohhh. Ecco.

 

 

P:S: L’intervista è stata fatta per gioco sulla panchina di un parco, del tutto improvvisata, senza che  le domande fossero state studiate prima. A rileggerla, alcune domande sono piuttosto cretine, come alcune delle risposte e dei commenti alle risposte del resto. Però essendo spontanea forse rivela di più cose che altrimentei si censurerebbero.

La definizione “accompagnatore attuale” è di un mio conoscente, che la prima volta che mi vide con lui mi disse: ah, è il tuo accompagnatore attuale?. L’accompagnatore attuale aggiunse alla definizione “e contemporaneo”. Questo accompagnatore attuale sembra che stia permanendo.

 

OUTFIT
Tuta: Jumpsuit with toggles, Zara; canottiera a costine da uomo: Next, amazon.com. Classica canottiera da Italian Stallion, anni ’60-’70: le marche gender neutral architettano certe cagate che fanno sembrare tutti dei salami. Perché non usarne una da uomo?; scarpe: Dr. Martens 1460 Pascal Virginia Black; borsa: Yohji Yamamoto; rossetto: lasting finish 170, Rimmel London; eyeliner: glameyes black glamour, Rimmel

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...