In the Mood for Russia: na zdorovje.

Ho interrotto la visione della mini serie BBC Guerra e pace dopo appena un quarto d’ora. La storia la conosco, e nell’insieme, mi stava annoiando. Così ho ripiegato sulla serie BBC Bodyguard, che mi ha appassionato molto di più e mi ha fatto scoprire un attore, Richard Madden, capace di emozionarsi e di far emozionare. (L’accento scozzese è utra sexy).

Quasi niente in questa vita è gratis. Guardando film e serie streaming “gratis”, mi si sono attaccati al tablet altri siti, come mosche sul miele. Alcuni esempi del tenore delle notifiche che insistono ad arrivarmi:

– 1 CAPSULA=7 ORE DI SESSO ♥ (UN ORGASMO FANTASTICO)
– Ragazze per tutti i gusti! Ci sono ragazze che vogliono fare sesso
– Così tutti guadagneranno! Ottieni $ 560 all’ora! Questo sistema…
– Mio marito mi scopa per 7 ore! Sei pronto per diventare un animale?
– Non giocare alle slot senza aver prima letto questi trucchi

Gli annunci sui sistemi per guadagni facili e megagalattici sono tra i più irragionevoli e fuori dal mondo, eppure, gettando reti grandi quasi quanto l’oceano, qualche pesciolino deve restare intrappolato per forza.

Nel frattempo, la Russia è tornata a ronzarmi per il capo.
La sola Russia che io conosca è quella letteraria. Nel senso che non ci ho mai messo piede, in Russia; ma Mosca e San Pietroburgo sono due mete nella lista dei viaggi desiderati. E sono tentata di fare la temeraria e di atterrarci in inverno, chiaramente meglio equipaggiata delle truppe napoleoniche. Il ragazzo ucraino di una mia amica ha detto: “Ma certo! vai in inverno, io ci sono stato, mia zia fa la guida turistica a San Pietroburgo! stai dentro in un posto caldo, bevi vodka, esci fuori e va tutto bene!”, facile, no?

E ancora, le sole donne russe che conosca sono quelle letterarie.
Anna Karenina. Lara Fëdorovna Antipova. E Grušenka, personaggio de I fratelli Karamazov di Fëdor Dostoevskij, che Marilyn Monroe avrebbe tanto voluto interpretare. Si sarebbe emozionata e avrebbe fatto emozionare, nei panni di una personaggio più sfaccettato di quello che sembra al principio, e con parecchi tratti in comune con lei stessa.

Scrivendo mi è tornato in mente L’imperatrice Caterina (The Scarlet Empress), film del 1934 diretto da Josef von Sternberg. Basato sui diari di Caterina II di Russia, ha come protagonista la Divina, Marlene Dietrich. Immagini che ubriacano, avvolgono, si danno all’occhio magnifiche ed eccessive.

Lo vidi per la prima volta in tenera età, assieme a mia nonna. All’inizio pensai, che pizza i film antichi in bianco e nero, ma poi ci restai incollata fino alla fine. I costumi di Travis Banton e i gioielli di Eugene Joseff sono un’estasi per la vista. Il vestito settecentesco con il colbacco e il manicotto di pelliccia che Caterina indossa quando prende in rassegna i maschi, la divisa bianca da ussaro quando cavalca alla conquista del potere, l’abito da sacerdotessa ortodossa, bizantino, dorato. Un tripudio di splendore, haute couture in motion. La Caterina Marlene fa dell’uomo un concubino, e l’iper amplesso è quello con il Potere.

 

Marlene Dietrich, The Scarlet Empress, 1934

Marlene Dietrich, The Scarlet Empress, 1934

Marlene Dietrich, The Scarlet Empress, 1934

 

La mia Russia mentale è occidente ed oriente, è la Matrioska della mia infanzia, che stava sul comò della camera dei miei. La Matrioska è come le bambole giapponesi, e le scatole cinesi, tutte una dentro l’altra.

Winston Churchill disse, durante la Guerra Fredda:
“La Russia è un rebus avvolto in un mistero che sta dentro a un enigma.” Che nel novembre del 1989 si è sciolto come la loro neve durante la stagione del disgelo. Almeno così è sembrato.

Nuovo ping di notifica: “Pene lungo 21 centimetri già dopo 4 giorni! Guarda come prima che tolgono l’info!”, ma che pesci abboccano? Devono avere i complessi di uno con un bottoncino al posto del pene.

 

OUTFIT
Manicotto pelliccia: Asos; pelliccia sintetica: Pretty Little Thing; vestito: Falconieri; stivali: Anna Field, zalando.it; body: Intimissimi; orecchini: etsy.it; rossetto: jelly stylo, cherry red, Kiko

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...