Teste perse

C’è questa serie, Good Omens. Ci sono un angelo e un demone. L’angelo veste in papillon e calzini tartan, panciotto e trench chiari. Uno stile ricercato ma rilassato, accogliente come una tazza di tè. Il demone veste in jeans, stivaletti e cinta in pelle di serpente (e di che altro se no), giacca e occhiali neri. Uno stile da rock star. Gustosissime, piene di dettagli e simbolismi, sono le variazioni dei loro personali stili attraverso le diverse fogge dei secoli che trascorrono sulla Terra.

Terzo episodio. Rivoluzione Francese. L’angelo, vestito da nobile, è imprigionato dentro la Bastiglia per essere giustiziato. Dalla grata della cella si vede solo la lama della ghigliottina che ogni tanto scende tra i lamenti del condannato prima e il boato esultante della folla dopo. Il demone compare per liberare l’angelo.
Gli chiede perché mai gli sia saltato in testa di attraversare la manica, e l’angelo risponde che è stato per mangiare crêpe e brioche, che solo a Parigi le fanno così buone. E perché proprio vestito così, gli fa il demone. Ho un mio stile! risponde l’angelo.
Scambio di battute mentre la lama continua a calare con regolare scadenza:
Angelo _ sapevo che si stavano facendo prendere la mano ma…_
Demone _ sì, questo non si chiama farsi prendere la mano, questo è tagliare la testa a molta gente con una macchina estremamente efficiente.”_

Questo è il sogno che ho fatto la notte dopo aver visto di sera la puntata e dopo aver ascoltato, durante il giorno, un discorso sull’infibulazione.
Devo forare i lobi delle orecchie ad una bambina, a me sconosciuta. C’è la sua famiglia attorno ad un tavolo, soprattutto molti fratelli maschi maggiori, in attesa che io proceda. Lo strumento di cui devo servirmi per l’operazione è una ghigliottina in miniatura. Il sogno finisce mentre io disinfetto la lama, la disinfetto, e la disinfetto ancora, indugiano nel compito, per darmi il tempo di pensare come diavolo si possano forare dei lobi con una ghigliottina.

Se nessuno dubita dell’efficienza della ghigliottina, strumento concepito dalla ragione ma che ha finito per nutrire con grandeur la bestialità, la domanda che mi restava in sospeso è se la testa tagliata conservi coscienza per qualche tempo. Una mezza risposta la si deve a Antoine-Laurent de Lavoisier, il padre della chimica, ghigliottinato l’8 maggio 1794. La Francia rivoluzionaria risolveva il problema della fuga di cervelli estirpandolo alla radice.
Da Wikipedia:
“sembra (che Lavoisier) abbia chiesto a un suo domestico di verificare se la morte sulla ghigliottina fosse istantanea oppure no. Si sforzò di battere le ciglia finché gli fu possibile, e il domestico annotò che l’ultimo battito di ciglia fu quindici secondi dopo la decapitazione. Questo episodio potrebbe essere soltanto un aneddoto, in quanto non risulta che siano pervenuti gli appunti originali, tuttavia ha causato una serie di successive verifiche sperimentali che hanno sostanzialmente confermato che il cervello e i muscoli facciali restino attivi per diverso tempo dopo il distacco dal corpo.”

E con questo, credo che possiamo risparmiarci di sperimentare di persona.

Per finire, un appello da parte di Jared Leto, cui è stata rubata la testa mozzata, quella che Gucci ha creato per lui quando si è presentato al Met Gala 2019. Vale 10 mila euro. Chiunque la riportasse al più vicino store Gucci, riceverà in cambio un paio di scarpe da ginnastica sudicie.

E questo mi sembra un ottimo affare.

Cappotto: abercrombie.com; scarpe: Guess, zalando.it; pantaloni: Guess; camicia: Zara; papillon: ebay.it; occhiali: Max Mara, adrialenti.it; anello serpente: Swarovski: anello ali: ebay.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...