3 piccole cose

1 Scarpe. Ancora voi. Ancora qui. Sempre saputo chi foste. Posso pensarvi all’inizio, o alla fine di ogni vestizione. Sempre voi siete il Grande Perno della situazione.
E ora c’è questa nuova indesiderata protagonista che si è affermata sulla scena. La mascherina. Il piccolo perno della Situazione.
Mascherina. Se sta male col resto, mi piglia male. Devo prenderla in considerazione anche a livello stilistico.
Ne posseggo ormai una mini collezione. Quella di Fabi della prima ora, con la bandiera italiana e la scritta nel font elegante “andrà tutto bene”, la scritta che ancora si può incontrare insieme a sbiaditi arcobaleni su qualche cancello o su qualche terrazzo rimasti indietro nel tempo come un orologio rotto. Indossarla adesso passerebbe per una provocazione, rischierei un cazzotto sulla mascella. Quella discreta, chic, in tessuto artigianale umbro, color pergamena. La preferita, una sartoriale barocca. La prima iMask di plastica rosa, un’autentica museruola. È più bella della 2 ma ha un problema con l’allacciatura, erano agli inizi. Lascia un pericoloso vuoto aperto sul basso muso. Avessi un cane, sarebbe sua. Un bel pit bull incazzato in museruola pink panther. Da qualche parte in giro per casa c’è poi una confezione di chirurgiche celestine. Intonsa.
Ho sistemato la collezione dilettantesca su uno stendi calze a spirale appeso alla tenda della terrazza, dove le mascherine girano giostrano e svolazzano al minimo vento. Dove mi è facile sceglierle di volta in volta.

2 Micro carillon. L’ho tirato giù da un polveroso scaffale. Me lo tengo sulla scrivania. Ogni tanto giro la manovella per fare uscire la melodia di Smoke Gets in Your Eyes. Sa di cose lontane, perse. Giro la manovella invece di dedicarmi troppo spesso allo scrolling. Giro la manovella. Meno immersivo della musica in cuffia a volume impossibile. Il carillon sta là. Io qua. C’è distanza. Spazio.

E così siamo stati di nuovo liberati dalla libertà. Come ci si sente ad essere trattati come bimbi disobbedienti?

Ok, indietro tutta allo scrolling di mici, cazzate, orrori e bollettini.


3 Gemelli da polso. Che invenzione, altro che bottoni. Tutto un altro paio di maniche.
Infuocate riunioni, incontri, brainstorming, animate discussioni virtuali o in persona. Fai una pausa. Alzi il polso, appoggi la mano sul mento, pho! un gemello. Si diceva? Il fumo gli andrà negli occhi.


gira gira mascherina
gira gira manovella
e girano girano…
Devo rimpolpare la mia scorta di stoicismo.

Pantaloni in washed wool con pannello drappeggiato: Emporio Armani; camicia: camicia con gemelli a gancio: Fay, ikrix.com; pullover: stradivarius.com; mascherina e stringa: imask-official.com; gemelli Wonder Woman: ebay.it; scarpe: Glitter Shine Platform Chuck Taylor, All Star; rossetto: Lady Gaga lip pouter velvet lip pigment, countess+temptress, hauslabs.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...